Challenge Cup, Hogs sul tetto d’Europa!

19 Luglio 2009 Commenta
hogs_campioniUn migliaio gli spettatori presenti sulla tribuna gremita dello stadio “Torelli” di Scandiano per assistere all’ultimo atto della Challenge Cup, la competizione europera di football americano: di fronte i “porcellini” reggiani contro i magiari Gyor Sharsk, davanti agli sguardi attenti del presidente della Federazione europea Robert Huber e a quelli del presidente della Federazione ungherese Sloto Tut.
Un trionfo per gli Hogs, che conquistano la vetta d’Europa assicurandosi la Challenge Cup 2009 in corrispondenza dell’ultima partita della carriera di allenatore del coach granata Dwaine Hatch, che ha portato ben quattro titoli nella bacheca degli Hogs negli ultimi quattro anni: un Superbowl, una Challenge Cup e due Silver Bowl, con 40 vittorie e solo 6 sconfitte tra campionato e coppe europee. La conquista della competizione è anche la ciliegina sulla torta della stagione che segna il 25° anniversario della società, appuntamento che verrà celebrato ufficialmente a settembre.
La partita è stata segnata inesorabilmente nel primo tempo di gioco, quando gli Hogs hanno dimostrato di possedere una marcia in più: sugli scudi Manny Diaz e Niles Mittash, autori a fine gara rispettivamente di 2 e 3 touchdown, e ottime prove per il quarterback Leonardo Lazzaretti, il runner Fabrizio Vaccari e la linea Roberto Musi, tutti e tre alla loro ultima partita con Reggio. La prima segnatura granata arriva con Diaz, ottimamente servito da un lancio di Lazzaretti: la trasformazione del giovane Nicolò Iotti porta subito il punteggio sul 7-0.  Gli ospiti tentano una timida reazione, ma dopo una serie di corse di Vaccari il solito Niles Mittash (nominato poi MVP della gara) segna il touchdown che porta il divario tra le due contendenti a 14 punti, grazie anche al preciso calcio di Iotti: 14-0.
Gli Sharks non mollano la presa, ma l’ottima difesa reggiana impedisce agli ospiti di andare oltre le 10 yards difensive degli Hogs; non è così sterile invece la fase offensiva reggiana, che all’inizio del secondo quarto sfonda ancora la linea di meta ungherese grazie ad un ottimo lancio di Lazzaretti, 27 yards in volo che fanno planare l’ovale sulle infallibili mani di Manny Diaz. Terzo touchdown della partita, e il solito Iotti infila tra i pali il 21-0 che vale l’avvicinamento definitivo alla Challenge Cup. Quando mancano pochi minuti alla fine della prima frazione di gioco è ancora Mittash a regalare la meta piu’ spettacolare dell’incontro e a chiudere virtualmente l’incontro: corsa laterale dell’ex Oregon University che dribbla ogni avversario magiaro sulla sua strada e vola letteralmente oltre la red zone avversaria dopo una cavalcata di 76 yards. Iotti perfeziona il quarto calcio della partita e sigla il 28-0 che chiude la porta alle speranze ungheresi di raddrizzare la partita.
Nella ripresa è ancora lo scatenato Mittash a segnare dopo pochi istanti con una corsa di 14 yards che mette definitivamente la parola fine ai giochi in campo: solo sul 35-0 gli Sharks riescono a macinare yards con più convinzione e ad uscire allo scoperto. Nel quarto finale arriva la meritata meta della bandiera per la formazione ungherese, ad opera del veloce runningback Kohut che con una corsa di 9 yards riesce a penetrare la fino a quel momento inviolabile retroguardia degli Hogs.
A fine gara Niles Mittash viene premiato come miglior giocatore dell’ incontro dalla giuria di tecnici nazionali ed internazionali presenti in tribuna, mentre Manny Diaz si guadagna il premio di miglior giocatore degli Hogs nella Challenge Cup. A consegnare i riconoscimenti personali ci pensa il sindaco di Scandiano Alessio Mammi, mentre la prestigiosa Challenge Cup viene consegnata nelle mani del coach Dwain Hatch  dal presidente della Federazione europea Robert Huber.
Il tabellino della partita
HOGS REGGIO 35
GYOR SHARKS 7
Marcatori: Td Diaz 12 pass da Lazzaretti + 1 Iotti (7-0), Td Mittash 4 run + 1 Iotti (14-0), Td Diaz 27 pass da Lazzaretti + 1 Iotti (21-0), Td Mittash 76 run + 1 Iotti (28-0), Td Mittash 14 run + 1 Iotti (35-0), Td Kohut 9 run + 1 Mladic (35-7).